Start Itinerari Dolomiti senza confini, 2. tappa: Rifugio Carducci – Tre Cime
Condividi
Preferiti
La mia mappa
Crea itinerario fino qui
Fitness
Via ferrata

Dolomiti senza confini, 2. tappa: Rifugio Carducci – Tre Cime

Via ferrata · Dolomiti
Responsabile del contenuto
ÖAV Alpenverein Austria Partner verificato  Explorers Choice 
  • Zwölferkofel, Rifugio Caducci
    / Zwölferkofel, Rifugio Caducci
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confine wird gefördert durch die EU, EFRE-Fonds und Interreg V-A Italia-Österreich, 2014-2020
    / Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confine wird gefördert durch die EU, EFRE-Fonds und Interreg V-A Italia-Österreich, 2014-2020
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Ferrata Severino Casara
    / Ferrata Severino Casara
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Stiege
    / Stiege
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Traversierung
    / Traversierung
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Büllelejochhütte
    / Büllelejochhütte
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Wanderweg um Drei Zinnen
    / Wanderweg um Drei Zinnen
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
Cartina / Dolomiti senza confini, 2. tappa: Rifugio Carducci – Tre Cime
2100 2250 2400 2550 2700 m km 2 4 6 8 10 12 14 16 Rifugio Carducci Büllelejochhütte (Rif. Pian di Cengia) Drei Zinnen Hütte (Rif. A. Locatelli)

Dolomiti senza confini: 2 paesi - 9 percorsi - 12 vie ferrate - 17 rifugi - 108 km

La nuova Ferrata "Croda dei Toni" che congiunge il Rifugio Carducci al Bivacco de Toni non nasce esattamente come ferrata sportiva. Il percorso si snoda con naturalezza in uno spettacolare paesaggio roccioso e selvaggio!

media
16,8 km
8:00 h.
1200 m
1100 m
Fino alla Forcella Maria, il terreno risulta a tratti piuttosto friabile. Non appena giunti al versante sud della Cima Dodici, la roccia si fa più compatta. Emozionanti sono i 2 ponti tibetani, rispettivamente all'inizio e alla fine della salita, e il passaggio chiave che si trova esattamente nel mezzo (difficoltà C). La ferrata è stata aperta nel 2015, come percorso alternativo al sentiero n.107.

 

Ferrata Croda dei Toni: difficoltà B, passaggio C

La nuova via ferrata che congiunge il Rifugio Carducci al Bivacco De Toni costituisce una grandiosa alternativa paesaggistica al sentiero escursionistico che attraversa la Forcella Giralba. Due ponti sospesi costituiti da tre funi e il passaggio chiave molto esposto potenziano le emozioni regalate dalla ferrata.

 

Via degli Alpini / piccola ferrata: difficoltà A,B

Breve ferrata vicino al Rifugio Pian di Cengia con una bellissima scalinata costruita 100 anni fa. Il percorso si snoda sulla cresta! Il sentiero tra il Rifugio Pian di Cengia e i rifugi ai piedi delle Tre Cime segue un comodo sentiero forestale che parte dai Laghi di Cengia.

outdooractive.com User
Autore
Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini
Ultimo aggiornamento: 08.12.2018

Difficoltà
media
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
2641 m
Punto più basso
2211 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Possibilitá di ristoro

Rifugio Auronzo
Drei Zinnen Hütte (Rif. A. Locatelli)
Büllelejochhütte (Rif. Pian di Cengia)
Rifugio Carducci
Rifugio Lavaredo

Attrezzatura

Set da ferrata e casco certificati, scarpe robuste, guanti (via ferrata).

Ulteriori informazioni e link

www.dolomitisenzaconfini.eu

 

Con finanziamenti della UE, Fondi EFRE e Interreg V-A Italia-Austria, 2014-2020

Percorso

Ferrata Croda dei Toni (Severino Casara): B,C

La nuova ferrata: dal rifugio si prosegue in direzione sud, per un tratto in discesa, poi di nuovo in salita, lungo il ghiaione sotto la Forcela Maria (2351 m). Impossibile non vedere il pinnacolo inverosimilmente snello, battezzato con l'appetitoso nome di “Salsiccia”. Uscite dalla sella e, ben assicurati, salite ancora fino a un breve ponte tibetano. Una serie di cenge conducono in un canalone superabile in breve tempo sul dorso erboso. Salite su una cengia ben esposta, da principio molto ampia e poi via via sempre più stretta. Con diversi metri cubi di aria sotto le suole si attraversa il passaggio chiave e cioè un paio di metri coperti da uno sperone roccioso che costringe a procedere carponi. Il gradino su una parete rocciosa praticamente verticale porta al secondo ponte tibetano lungo 13 metri e sospeso sopra un profondo crepaccio. Sul finire, il percorso attraversa l'ampio canalone detritico, a tratti attrezzato con funi di sicurezza, sotto la Forcela de l'Agnel (2578 m). A fatica si sale per 150 metri su una roccia piuttosto scivolosa fino a raggiungere la forcella dove si trova il Bivacco De Toni. - 3h

 

Verso la Forcella Collerena:

Sotto la verticale parete ovest della Cima Dodici, il percorso prosegue verso nord con diversi sali-scendi fino alla Forcella Dodici (2524 m). Un tenace campo di neve sotto la Cima Dodici, che sopravvive praticamente tutta l'estate, e una frana che ha bloccato il sentiero per cento metri complicano il superamento di questo tratto. Qui nel 2015 sono stati previsti interventi di risanamento che, in alcuni tratti, hanno comportato la realizzazione di nuovi tracciati. Dalla Forcella Dodici un sentiero regolare e in buone condizioni sale alla Forcella Collerena (2530 m). - 2h

 

Via degli Alpini (Cresta di Cengia): Difficoltà A,B

Ricostruita e messa in sicurezza un paio di anni fa, questa ferrata segue le ex postazioni italiane sulla cresta di Cengia. Dopo una breve salita si scende con alcuni gradoni su una cengia orizzontale ampia e ben esposta. Si continua a scendere su rocce leggere nell'avvallamento del Passo Fiscalino (2519 m) e poi si risale su un sentiero regolare che porta al Rifugio Pian di Cengia (2528 m). - 1h

 

Dal Rifugio Pian di Cengia si ridiscende lungo il sentiero forestale n.104 fino ai Laghi di Cengia e si prosegue verso ovest fino alle Tre Cime. (Rifugio Auronzo 2329 m). - 2h

Ulteriori possibilità di pernottamento: Rifugio Lavaredo (2344m), Rifugio Locatelli (2405m), Rifugio Auronzo.

Tempo di percorrenza totale: 8h

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.

Mappe e cartine consigliate

Tabacco 017


Domanda e risposta

Fai la prima domanda

Hai dei dubbi? Scrivi la tua domanda e fatti aiutare dalla community!


Recensioni

Sei il primo

Condividi la tua esperienza!

Bernhard Fröhler
24.06.2018 · Community
Kurze Frage: Was genau hat es mit dem Abstecher zur Auronzo-Hütte am Ende auf sich? Die 3. Tagestour geht ja wieder bei der Dreizinnenhütte los; ist das als Alternative gedacht falls in der Dreizinnenhütte kein Platz ist?
Visualizza di più
???contribution.reviews.info???

Foto aggiuntive


Difficoltà
media
Lunghezza
16,8 km
Durata
8:00 h.
Salita
1200 m
Discesa
1100 m
Andata e ritorno sullo stesso percorso Itinerario plurigiornaliero Via ferrata classica

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.