Start Itinerari Dolomiti senza confini, 1. tappa: Rifugio Lunelli /Berti - Rifugio Carducci
Condividi
Preferiti
La mia mappa
Crea itinerario fino qui
Fitness
Via ferrata

Dolomiti senza confini, 1. tappa: Rifugio Lunelli /Berti - Rifugio Carducci

· 1 recensione · Via ferrata · Dolomiti
Responsabile del contenuto
ÖAV Alpenverein Austria Partner verificato  Explorers Choice 
  • Ferrata Roghel
    / Ferrata Roghel
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confine wird gefördert durch die EU, EFRE-Fonds und Interreg V-A Italia-Österreich, 2014-2020
    / Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confine wird gefördert durch die EU, EFRE-Fonds und Interreg V-A Italia-Österreich, 2014-2020
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Lunelli Hütte
    / Lunelli Hütte
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Aufstieg zum Refugio Berti
    / Aufstieg zum Refugio Berti
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Wegweiser
    / Wegweiser
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Roghel
    / Roghel
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Forcella Picccola di Stalata, Grossglockner im Hintergrund
    / Forcella Picccola di Stalata, Grossglockner im Hintergrund
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • Ferrata Cengia Gabriella
    / Ferrata Cengia Gabriella
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • / Luftige Traversierung
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • / Cengia Gabriella
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • / Wilde Landschaft
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • / Zwölferkofel, Rifugio Caducci
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
  • / Rifugio Caducci
    Foto: Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini, ÖAV Alpenverein Austria
1800 2100 2400 2700 3000 m km 1 2 3 4 5 6 7 RIFUGIO LUNELLI SELVAPIANA - Comelico Superiore RIFUGIO BERTI - Val Comelico Via Ferrata Cengia Gabriella Rifugio Carducci

Dolomiti senza confini: 2 paesi - 9 percorsi - 12 vie ferrate - 17 rifugi - 108 km

Tappa molto lunga e impegnativa che comprende le ferrate alpine Roghel e Cengia Gabriella (difficoltà C,D), ospitata da un paesaggio solitario e selvaggio.

difficile
7,2 km
9:30 h.
1900 m
1100 m
Ferrata Roghel: C, passaggio D

La lunghezza e la difficoltà di questa traversata non consentono di annoverarla tra le più frequentate e poche ferrate delle Alpi vantano un paesaggio così selvaggio. Il percorso presuppone una solida esperienza nell'alpinismo e condizioni meteo stabili. Specialmente all'inizio dell'estate è possibile trovare ancora campi di neve vecchia ed è, pertanto, consigliabile mettere nello zaino ramponi leggeri e piccozza. Il passaggio chiave del tour è la ripidissima parte superiore della Ferrata Roghel che richiede anche una certa forza nelle braccia. Quando diversi scalatori si cimentano contemporaneamente in questo stretto canalone, meglio non trascurare il pericolo di caduta massi. Le grandi distanze tra gli ancoraggi richiedono piede fermo e grande esperienza. Per quanto la ferrata sia in sicurezza, non si può mai esserne certi abbastanza. Visto che non esiste una discesa rapida e semplice, bisogna per forza proseguire il tour sulla ferrata Cengia Gabriella. L'unico rifugio è il Bivacco Cadore che si trova tra le due ferrate.

Ferrata Cengia Gabriella: B,C

La naturale prosecuzione della ferrata Roghel attraversa il versante orientale e meridionale del Monte Giralba di Sotto e si conclude sulla parete occidentale. Come tour di un giorno, partendo dal Rifugio Lunelli e percorrendo entrambe le ferrate fino al Rifugio Carducci, l'impresa è decisamente notevole con oltre 1900 metri di dislivello! Affrontatela quindi solo con le migliori condizioni meteo e di terreno, sarete ricompensati con un percorso è poco frequentato in dintorni meravigliosi e selvaggi!

outdooractive.com User
Autore
Dolomiten ohne Grenzen | Dolomiti senza confini
Ultimo aggiornamento: 03.06.2019

Difficoltà
difficile
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
2593 m
Punto più basso
1562 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Possibilitá di ristoro

Rifugio Carducci
RIFUGIO LUNELLI SELVAPIANA - Comelico Superiore
RIFUGIO BERTI - Val Comelico

Attrezzatura

Set da ferrata e casco certificati, scarpe robuste, guanti (via ferrata) evt

Ulteriori informazioni e link

www.dolomitisenzaconfini.eu

Con finanziamenti della UE, Fondi EFRE e Interreg V-A Italia-Austria, 2014-2020

Percorso

Dal Rifugio Lunelli (1568 m) seguire le indicazioni per il Rifugio Berti. Appena sotto a quest'ultimo guadare un ruscello. -1h

Dal Rifugio Berti imboccare il sentiero un po' più largo n.152 fino al cartello della Ferrata Roghel. La ripida salita segnalata da punti rossi conduce alla ferrata. Attenzione: possibili campi di neve vecchia all'imboccatura! - 1,5h

 

Ferrata Roghel: difficoltà C, passaggio D

La salita è quasi completamente assicurata con funi d'acciaio e presenta alcuni passaggi ripidi. Gli ancoraggi hanno talvolta grandi distanze e non sono particolarmente tesi, cosa piuttosto disagevole per i secondi in cordata. Il passaggio chiave è uno sperone di roccia all'interno di un camino che richiede anche una certa forza nelle braccia. La salita sfocia in alto in una lunga e profonda fenditura con diversi ripidi gradoni. La roccia è particolarmente friabile soprattutto al termine dell'ascesa, sulla Forcella tra le Guglie, e, in presenza di più di uno scalatore, è importante non trascurare il pericolo di caduta massi. La discesa segue dapprima alcune cenge e poi si sposta verso sinistra sul fianco occidentale, in larga parte assicurato con funi d'acciaio. Si prosegue lungo una gola detritica fino ai piedi della parete. - 2h

 

Ferrata Cengia Gabriella: B,C

Dal punto più profondo (2300 m) nell'alta valle del Ciadin di Stallata, un sentiero ben visibile e segnalato conduce attraverso il circo roccioso erboso e poi verso occidente fino all'inizio della salita (100 metri di dislivello). Il canalone detritico è spesso innevato fino in estate inoltrata ed è, pertanto, consigliato portare con sé i ramponi. Si prosegue lungo l'alta via sulla cresta del Monte Giralba di Sotto, costellata di passaggi impegnativi ben assicurati con funi d'acciaio. Il sentiero costeggia “con spirito audace” il precipizio e richiede assenza di vertigini e passo molto fermo. Le funi metalliche agevolano la discese sino ai piedi del Monte Giralba di Sopra. - 4h

La salita che attraversa la Val Giralba Alta porta al Rifugio Carducci (2297 m). - 1h

Tempo di percorrenza totale: 9,5h

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.

Mappe e cartine consigliate

Tabacco 017

Libri & cartine

Mostra tutto


Domanda e risposta

Fai la prima domanda

Hai dei dubbi? Scrivi la tua domanda e fatti aiutare dalla community!


Recensioni

5,0
(1)
Anna Erlacher
09.10.2018 · Community
Wahnsinnstour! Ich fand die Tour weniger körperlich als mehr mental sehr fordernd. Man geht sehr oft an den schmalen Dolomiten typischen Felsbändern entlang OHNE Sicherung auch über steile Wiesen hinauf und Schotter herab. Die Klettersteige selbst sind nicht so fordernd, eher wie mein Vorredner schreibt der zweite Abstieg ist nicht ohne, weil man doch schon müde ist nach dem langen Tag. Kann die Tour jedem empfehlen der einsame Abschnitte in den sonst überlaufenen Dolomiten sucht, aber man darf die Tour auf keinen Fall unterschätzen!
Visualizza di più
Fatto il 16.08.2018
Philipp Steurer
28.08.2018 · Community
Persönlicher Erfahrungsbericht vom 22.8.2018: Herrliche und wirklich sehr lange kräftezehrende Tour abseits vom Massenwandern. Von Lunelli bis Carducci haben haben wir (geübt und gute Kondition) mit einer kurzen Kaffeepause bei Berti 10:37 Stunden gebraucht. Spätestens um 8 Uhr aufbrechen und genügend Wasser und Energieriegel mitnehmen. Von der Schwierigkeit würde ich eher die langen Abkletterpassagen beim zweiten KS als kräfteraubend bewerten. Meine Uhr hat mir von den HM leicht abweichende Werte aufgezeichnet: 1550 hm rauf und 822 hm runter bei 8,96 km Wegstrecke. Durch die Gewitteranfälligkeit gegen Abend kann ein zu spätes Aufbrechen sehr unlustig werden ... dabei nicht zu schnell zu Lunelli fahren, vergangene Woche war ein Blitzer nach dem anderen
Visualizza di più
Fatto il 22.08.2018
???contribution.reviews.info???

Foto aggiuntive


Recensione
Difficoltà
difficile
Lunghezza
7,2 km
Durata
9:30 h.
Salita
1900 m
Discesa
1100 m
Andata e ritorno sullo stesso percorso Panoramico

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.