Logo DAV
Logo OEAV
Logo AVS
30 Tage Pro gratis testen Community
Sprache auswählen
Start Touren Gemona del Friuli - Sella Sant’Agnese - Laghetto Minisini
Tour hierher planen Tour kopieren
Mountainbike empfohlene Tour

Gemona del Friuli - Sella Sant’Agnese - Laghetto Minisini

Mountainbike · Gemona del Friuli
Profilbild von VisitGemona
Verantwortlich für diesen Inhalt
VisitGemona 
  • Monte Cumieli
    / Monte Cumieli
    Foto: Luciano Baldassi, Community
  • / Chiesetta di Sant'Agnese
    Foto: VisitGemona, Community
  • / Vista dal monte Cumieli
    Foto: Luciano Baldassi, Community
  • / Vista dal monte Cumieli
    Foto: VisitGemona, Community
  • / Cartello a Ospedaletto - Gemona del Friuli
    Foto: VisitGemona, Community
  • / Ingresso al forte di monte Ercole
    Foto: VisitGemona, Community
  • / Salita al forte di monte Ercole
    Foto: VisitGemona, Community
  • / Laghetto Minisini a Ospedaletto - Gemona del Friuli
    Foto: Luciano Baldassi, Community
  • / Mulino Cocconi a Ospedaletto - Gemona del Friuli
    Foto: Luciano Baldassi, Community
  • / Fornace Copetti a Ospedaletto - Gemona del Friuli
    Foto: Luciano Baldassi, Community
m 400 300 200 8 7 6 5 4 3 2 1 km
Un percorso che richiede un minimo di allenamento ma che non presenta importanti difficoltà tecniche. Interessanti punti panoramici da non perdere.
leicht
Strecke 8,1 km
1:20 h
276 hm
276 hm
482 hm
207 hm
Schwierigkeit
S0 leicht
Technik
Kondition
Erlebnis
Landschaft
Höchster Punkt
482 m
Tiefster Punkt
207 m
Beste Jahreszeit
Jan
Feb
Mär
Apr
Mai
Jun
Jul
Aug
Sep
Okt
Nov
Dez

Sicherheitshinweise

Attenzione se percorrete il tracciato durante il periodo invernale, nella galleria possono formarsi lastre di ghiaccio.

Weitere Infos und Links

Gemona del Friuli

Solamente attraversando l'abitato gemonese lungo l’arteria principale del centro storico, quanto vi accompagna soddisfa l’occhio e immerge nell’atmosfera cittadina: accolti da Porta Udine, con il Leone di San Marco a ricordare la dominazione veneziana, subito noterete il terrapieno del Duomo, su cui si innalza la chiesa romanico-gotica orgoglio della città. Subito di fronte al duomo sorge palazzo Gurisatti, sede della Cineteca del Friuli che ospita anche l’emeroteca. Proseguendo lungo la suggestiva via Bini si incontra casa D’Aronco, che diede i natali al celebre architetto; palazzo Elti, sede del museo Civico che conserva le opere d’arte recuperate dalle chiese di Beata Vergine delle Grazie e di San Giovanni, rase al suolo dal sisma; e infine il cinquecentesco Palazzo Boton, sede del Municipio.

Lungo vari tratti della via è visibile pure la mole del Castello, ai cui giardini è gradevole salire tramite una scalinata deviando dal percorso, come è interessante visitare tutte le molteplici attrattive della città: dal Santuario di Sant’Antonio da Padova, che ospita ai piani inferiori anche il museo Renato Raffaelli, al museo della Pieve, che conserva il Tesoro del duomo e il registro battesimale più antico del mondo, risalente al 1379; dalla mostra fotografica permanente sul terremoto nel porticato di via Bini fino alla chiesa della Madonna delle Grazie, ricostruita a rudere.

Glemona, Osopo e Artemia vengono ricordate da Paolo Diacono in un famoso passo della “Historia Langobardorum” tra le città fortificate in cui si rifugiarono i Longobardi durante l’invasione degli Avari.

Borgata L’A.S.eR.

L’Associazione Sportiva e Ricreativa di Gemona (A.S.eR.) è un’organizzazione a carattere apolitico senza fini di lucro, con lo scopo di promuovere e realizzare attività e centri permanenti a carattere sportivo e ricreativo su base volontaria e democratica ed organizzare competizioni sportive in genere. Si trova nella borgata di Stalis in via da Fornas 31.

Sella e Chiesetta di Sant’Agnese

Sella Sant’Agnese è un luogo caro ai gemonesi, e non solo, dove poter staccare dalla frenesia della vita quotidiana. Segna il confine naturale tra Gemona e Venzone e ha sempre costituito un punto di transito, soprattutto in passato quando il fiume Tagliamento, esondando, rendeva la piana impraticabile. Una volta raggiunta si è pervasi da una sensazione di pace, e ci si può regalare una sosta sotto il porticato della chiesetta, da dove si ammira un suggestivo panorama. Dedicata a Sant’Agnese, la chiesetta risale al XII secolo e sorge sui sedimi di un tempio pagano eretto sull’antico sentiero celtico. Dalla sella la vista si allarga a nord sul conoide dei Rivoli Bianchi, a sud su Gemona e la piana. A ovest risalta il profilo tondeggiante del monte Cumieli, mentre ad est si staglia la cresta affilata del monte Deneal che dà avvio alla catena del monte Cjampon, con un’eccezionale veduta sulle stratificazioni calcaree; i movimenti provocati da una grande faglia hanno ripiegato gli strati e reso distinguibile sulla parete un enorme “ventaglio”. Tutto intorno alla chiesetta si distendono prati che un tempo erano luogo di pascolo per il bestiame.

Monte Cumieli 

Dalla sella si raggiunge il monte Cumieli, il cui ambito è ricco di vestigia antiche e di testimonianze della storia recente. La cima del Cumieli conserva i resti di un castelliere preistorico. Su due propaggini dell’altura vennero eretti, a distanza di secoli, altrettanti fortilizi a protezione del territorio sottostante: uno alla sommità del monte Palombar, sede nell’Alto Medioevo di un castello di cui oggi restano le tracce della torre, e l’altro in corrispondenza del monte Ercole. Il profilo montuoso “a dorso di cetaceo” è la prova tangibile dell’intensa azione erosiva esercitata fino a 10mila anni fa dal ghiacciaio del Tagliamento, che in questo punto raggiungeva i 900 m di altitudine. Sulle ripide pareti rocciose esposte a sud è presente una flora termofila ricca di elementi mediterranei di provenienza orientale. Dalla strada militare che taglia il versante occidentale del Cumieli si possono osservare strati di roccia di un’età compresa tra i 18 e i 70 milioni di anni, a cui si aggiungono tracce fossili e piccole faglie.

Forte di monte Ercole

Il forte di monte Ercole, ancora oggi in buono stato di conservazione, fa parte del complesso difensivo dell’Alto Tagliamento assieme ai vicini forti di Osoppo e del monte Festa. Fu costruito nel 1904 per il controllo della Sella Foredôr, passaggio tra i monti Cuarnan e Cjampon, considerata dai comandi militari una delle zone più importanti a livello strategico. A suo sostegno vennero installate anche delle batterie permanenti sul vicino monte Cumieli e a Sella Sant’Agnese, di cui oggi non esistono resti. Il forte di monte Ercole rappresenta uno dei luoghi più suggestivi della Grande Guerra in Friuli anche grazie alla bellezza della natura di questa zona. Sono visibili delle postazioni di guardia (garitte) e tre grandi costruzioni diroccate, in origine adibite a magazzini ed alloggi per i soldati.

Laghetto Minisini

Poco oltre il confine tra Gemona e Venzone alle spalle di Ospedaletto, incastonato in un armonioso paesaggio di boschi alternati a curate radure prative, il laghetto Minisini rappresenta uno degli ultimi esempi di lago periglaciale in Friuli ed è il maggior bacino naturale delle Prealpi Giulie. Nel lago prevalgono il cariceto e il canneto e sopravvive ancora oggi la vegetazione originaria costituita da ninfee, che fioriscono tra giugno e luglio. Il laghetto è inserito, per le sue caratteristiche ambientali, insieme all’area dei Rivoli Bianchi, in un “Sito di Importanza Comunitaria” (SIC) e nella “Rete Natura 2000”.

Ospedaletto

La frazione di Ospedaletto è la parte più a nord di Gemona e l’ultima a chiusura del confine comunale prima di Venzone. Qui  sono affiorati tratti della via Julia Augusta e altri tracciati romani inferiori, il duecentesco Ospitale di Santa Maria dei Colli (poi di Santo Spirito) e la trecentesca chiesetta di Ognissanti, dove il terremoto ha messo in luce i due strati di affreschi, risalenti tra la fine del Trecento e l’inizio del Quattrocento. Tra il 1106 e il 1203 venne costruita la rosta per la presa della Roggia a nord dell'odierno abitato di Ospedaletto. La costruzione di questa rosta costrinse il fiume Tagliamento a deviare il suo corso verso il monte Brancot, dando così origine all’attuale campagna di Gemona (le attuali dighe risalgono al periodo 1831-50). A Ospedaletto c’è il Mulino Cocconi, sede dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese che ospita un centro didattico-ambientale articolato in tre sezioni: il laboratorio didattico, il centro di documentazione sulle acque del Gemonese e il Museo dell’arte molitoria. Ad Ospedaletto sorge infine il cinquecentesco Palazzo Brollo.

Fornace di Ospedaletto

La Fornace Copetti ai piedi del monte Cjamparis era una fornace di calce costruita all’inizio degli anni ’50 grazie allo sviluppo dell’attività edilizia del dopoguerra e rimase in funzione fino alla metà degli anni ’60.

Start

Centro ricreativo L’A.S.e.R. - Gemona del Friuli (312 m)
Koordinaten:
DD
46.290753, 13.140909
GMS
46°17'26.7"N 13°08'27.3"E
UTM
33T 356803 5128032
w3w 
///gebühr.ernten.empfunden

Ziel

Centro ricreativo L’A.S.e.R. - Gemona del Friuli

Wegbeschreibung

Dal centro ricreativo L'A.S.eR., mediante una facile e ampia carrareccia, si raggiunge la prativa Sella Sant’Agnese, dalla quale si gode un’ampia panoramica su Gemona e sulla Piana del Tagliamento. Successivamente l’itinerario si sviluppa lungo le pendici del monte Cumieli: una secca salita in ghiaia permette di scollinare il pianetto del Cumieli, punto altimetrico più elevato del percorso. In discesa sempre su un'ampia carrareccia si scende in direzione della frazione di Ospedaletto; particolarmente spettacolare risulta un breve tratto di acciottolato, dal quale si gode una panoramica da cartolina sull’intera Pedemontana Gemonese. Sfiorando i resti del forte di monte Ercole, si scende con pendenze più facili al laghetto Minisini, dal quale poi si raggiunge Borgo Molino, dove s'incrocia l’asfalto; seguendo le tabelle ci si riporta in via da Fornas, la quale con pendenze costanti permette di chiudere l’anello ritornando al punto di partenza.

Hinweis


alle Hinweise zu Schutzgebieten

Öffentliche Verkehrsmittel

mit Bahn und Bus erreichbar

È possibile arrivare a Gemona con il treno; la stazione ferroviaria è servita da Trenitalia, Micotra e dallo storico treno a vapore. I trail possono essere raggiunti grazie alle ciclabili cittadine. Tutti partono in prossimità del centro storico dove si trovano colonnine per la ricarica e riparazione delle biciclette, box e lavaggio sempre a disposizione dei ciclisti. Tutti i percorsi dedicati alla mtb partono dall'Associazione sportiva e ricreativa L’A.S.eR.

Anfahrt

Gemona si trova in una posizione particolarmente fortunata anche per quanto riguarda le vie di comunicazione, infatti è possibile raggiungere la città in svariati modi tradizionali quali:

IN TRENO

Stazione FS di Gemona del Friuli

IN AUTO

Autostrada A23 casello Gemona/Osoppo - Strada statale Pontebbana

IN AEREO

Aereoporto di Trieste

IN BICICLETTA

Ciclabili Alpe Adria (FVG1) - Pedemontana (FVG3) - Tagliamento (FVG6)

A PIEDI

Attraverso il Cammino di San'Antonio

Attraverso il Parco Trail che collega la cittadina alla vicina Austria - Hermagor

IN KAJAK

Fiume Tagliamento per gli appassionati di kajak estremo

Parken

Borgata L’A.S.e.R. - Gemona del Friuli

Koordinaten

DD
46.290753, 13.140909
GMS
46°17'26.7"N 13°08'27.3"E
UTM
33T 356803 5128032
w3w 
///gebühr.ernten.empfunden
Anreise mit der Bahn, dem Auto, zu Fuß oder mit dem Rad

Ausrüstung

Mtb o gravel

Grundausrüstung zum Mountainbiking

  • Fahrradhelm
  • Fahrradhandschuhe
  • Festes, bequemes und vorzugsweise wasserfestes Schuhwerk
  • Kleidung im Mehrschicht-Prinzip mit Feuchtigkeitstransport
  • Rucksack (mit Regenhülle)
  • Sonnen-, Regen- und Windschutz (Hut, Sonnencreme, wasser- und winddichte Jacke/Regenschirm)
  • Sonnenbrille
  • Ausreichend Proviant und Trinkwasser
  • Mobiltelefon
  • Bargeld
  • Navigationsgerät/Karte und Kompass

Technisches Equipment

  • Luft- oder CO2-Pumpe mit Kartuschen
  • Reifenflickset
  • Ersatzfahrradschlauch
  • Reifenheber
  • Kettennieter
  • Inbusschlüssel
  • Ggf. Lenkerhalterung für Mobiltelefon/Navi
  • Fahrradschloss
  • Wo zutreffend, verkehrstaugliches Fahrrad mit Klingel, Vorder- und Rücklicht und Speichenreflektoren
  • Die Listen für die „Grundausrüstung“ und die „technische Ausrüstung“ werden auf der Grundlage der gewählten Aktivität erstellt. Sie erheben keinen Anspruch auf Vollständigkeit und dienen lediglich als Vorschläge, was du einpacken solltest.
  • Zu deiner Sicherheit solltest du alle Anweisungen zur ordnungsgemäßen Verwendung und Wartung deines Geräts sorgfältig lesen.
  • Bitte vergewissere dich, dass deine Ausrüstung den örtlichen Gesetzen entspricht und keine verbotenen Gegenstände enthält.

Fragen & Antworten

Stelle die erste Frage

Hier kannst du gezielt Fragen an den Autor stellen.


Bewertungen

Verfasse die erste Bewertung

Gib die erste Bewertung ab und hilf damit anderen.


Fotos von anderen


Schwierigkeit
S0 leicht
Strecke
8,1 km
Dauer
1:20 h
Aufstieg
276 hm
Abstieg
276 hm
Höchster Punkt
482 hm
Tiefster Punkt
207 hm
mit Bahn und Bus erreichbar Rundtour aussichtsreich familienfreundlich kulturell / historisch faunistische Highlights botanische Highlights Geheimtipp

Statistik

  • Meine Karte
  • Inhalte
  • Bilder einblenden Bilder ausblenden
Funktionen
2D 3D
Karten und Wege
Strecke  km
Dauer : h
Aufstieg  Hm
Abstieg  Hm
Höchster Punkt  Hm
Tiefster Punkt  Hm
Verschiebe die Pfeile, um den Ausschnitt zu ändern.