Logo DAV
Logo OEAV
Logo AVS
30 Tage Pro gratis testen Community
Sprache auswählen
Start Touren Anello del monte Glemine dal Troi dai Cincent
Tour hierher planen Tour kopieren
Wanderung empfohlene Tour

Anello del monte Glemine dal Troi dai Cincent

Wanderung · Gemona del Friuli
Profilbild von VisitGemona
Verantwortlich für diesen Inhalt
VisitGemona 
  • Il Troi dai 500
    Il Troi dai 500
    Foto: VisitGemona, Community
m 700 600 500 400 300 200 100 5 4 3 2 1 km
Breve ma inteso anello lungo il Troi dai Cincent, storico sentiero del gemonese, e sulla cima del monte Glemine, rocciosa propaggine meridionale del monte Cuarnan. Questo sperone di roccia offre stupendi panorami sul campo di Osoppo-Gemona e verso Alpi e Prealpi Carniche. L'itinerario, sebbene abbastanza impegnativo fisicamente, è di facile percorrenza ed è molto appagante durante la primavera e l'autunno.
mittel
Strecke 5,9 km
2:18 h
431 hm
431 hm
680 hm
249 hm

Il Troi dai Cincent

Il Troi dai Cincent (sentiero dei cinquecento) è una comoda ma ripida mulattiera che permette di risalire i versanti detritici del monte. Venne allargato tra le prime due guerre mondiali e il nome deriva dalla paga di 500 lire giornaliere percepite dagli operai che presero parte ai lavori. 

Per evitare frane e smottamenti, il pendio venne stabilizzato con popolamenti di pino nero e silvestre (quest'ultimo riconoscibile facilmente per la corteccia che tende a sfaldarsi rivelando un colorito arancione) nel 1956. Ora nel bosco sono entrate le tipiche specie della boscaglia prealpina termofila come il carpino nero, l'orniello, il sambuco, il nocciolo e la roverella. 

Il Monte Glemine

Il monte Glemine si mostra come uno sperone roccioso che si stacca dal versante sud-occidentale del monte Cuarnan. La sua anima litologica sono i calcari del Giurassico (circa 150 milioni di anni fa) che si mostrano bianchi, grigiastri con alcuni noduli di selce più scuri. 

Sul calcare, l'acqua può agire in maniera chimica e dare luogo a tutti quei fenomeni di carsismo che portano a scolpire la roccia e a dissolverla creando grotte ed inghiottitoi: è il caso del rio Glemineit, sorgiva carsica da cui l'acqua esce solo durante grossi eventi piovosi e che porta alla formazione di una suggestiva cascata che, dopo aver saltato la galleria della strada provinciale verso Artegna, cade in prossimità dell'antico lavatoio (lavadôr) di Godo.

Le rupi e le pareti esposte a sud ospitano particolari essenza floreali come la primula orecchia d'orso (Primula auricola), il giaggiolo (Iris cengialti), l'erica (Erica carnea) e specie mediterranee come il terebinto (Pistacia terebinthus) e molte altre. 

I boschi invece ospitano le classiche essenze della boscaglia prealpina sviluppata su suoli carbonatici e dolomitici. Si trovano quindi il carpino nero, la roverella, il sambuco, l'orniello, il ginepro e il fico. 

A livello faunistico, spicca senza dubbio il gufo reale che nidifica su queste pareti e che di notte va a caccia di micromammiferi verso la piana di Godo. Si tratta del gufo più grande d'Europa, con le femmine che possono superare i 2m di apertura alare e toccare quasi 4kg di peso. 

Nelle giornate soleggiate è possibile anche avvistare delle enormi figure alate vorticare sui caldi versanti meridionali: sono i grifoni, veri e propri giganti dell'aria, che sono tornati a popolare queste montagne grazie ad un progetto di reintroduzione della Riserva Naturale del Lago di Cornino. 

Sulle pareti è comune incontrare diverse specie di rettili, dalle innocue lucertole e ramarri, ai serpenti come vipere e colubridi, tasselli fondamentali degli ecosistemi perchè tengono sotto controllo numerose specie di roditori. 

Autorentipp

Molti sono gli animali che vivono negli ambienti attraversati da questo itinerario e non è inusuale incontrare specie come il capriolo, il cinghiale e molte altre. Per ridurre al minimo la possibilità di interazioni negative con le specie e per proteggere le stesse, si raccomanda di tenere i cani al guinzaglio.

Dalla cima è anche possibile proseguire integralmente in cresta lungo un sentiero poco marcato e riservato ad escursionisti esperti, data l'esposizione e la facilità di perdere la traccia. Una volta completata la cresta (croce di vetta), si scende nel canalone a nord aiutandosi con due corde fisse e rientrando lungo il sentiero fino ad incontrare nuovamente il percorso di salita nella valle del Rio Grideule

Schwierigkeit
mittel
Technik
Kondition
Erlebnis
Landschaft
Höchster Punkt
680 m
Tiefster Punkt
249 m
Beste Jahreszeit
Jan
Feb
Mär
Apr
Mai
Jun
Jul
Aug
Sep
Okt
Nov
Dez

Wegearten

Asphalt 1,62%Schotterweg 5,77%Naturweg 12,33%Pfad 75,51%Straße 4,74%
Asphalt
0,1 km
Schotterweg
0,3 km
Naturweg
0,7 km
Pfad
4,5 km
Straße
0,3 km
Höhenprofil anzeigen

Sicherheitshinweise

In caso di infortuni, il numero da chiamare è il 112 NUE 

Nella zona sono comuni le zecche, pertanto si consiglia di informarsi sulle tecniche di prevenzione e protezione: Informativa zecche regione FVG

Nei mesi invernali prestare particolare attenzione nei tratti all'ombra e in bosco, in quanto sotto la copertura delle foglie possono nascondersi lastre di ghiaccio. Prestare particolarmente attenzione nei tratti boscati anche in caso di forti piogge nei giorni precedenti. 

Weitere Infos und Links

Si raccomanda di portare a casa ogni tipo di rifiuto e di preservare al meglio possibile i luoghi attraversati. 

Si ricorda che la raccolta di specie vegetali o parti di esse può essere soggetta a vincolo come da L.R. 7/2009. A questo link è possibile consultare il documento informativo della regione FVG: Flora e fauna protette della regione Friuli Venezia Giulia

Start

Presso Piazza Garibaldi (277 m)
Koordinaten:
DD
46.278096, 13.139825
GMS
46°16'41.1"N 13°08'23.4"E
UTM
33T 356686 5126628
w3w 
Auf Karte anzeigen

Ziel

Presso Piazza Garibaldi

Wegbeschreibung

Partendo da Piazza Garibaldi, nel centro di Gemona del Friuli, si scende lungo via Bini fino ad incontrare prima il Duomo e successivamente Porta Udine. Superata la porta si prosegue sulla strada asfaltata, si supera la galleria e si imbocca a sinistra via IV Novembre che conduce alla borgata di Maniaglia. Dopo pochi metri, si svolta a sinistra prendendo il sentiero chiamato Troi dai Cincent (indicazioni presenti). 

Si inizia a salire lungo i ripidi tornanti per circa 350m di dislivello positivo fino a giungere ad un bivio in prossimità di un ghiaione. A questo punto si prosegue a sinistra lungo il sentiero chiamato Troi di Miec (indicazioni presenti) che inizialmente offre una splendida sequenza di punti panoramici verso occidente e successivamente entra nel bosco fino a giungere in prossimità di un'ancona votiva chiamata Crist di Siere. 

Alle spalle dell'anconetta (vedere foto), parte una flebile traccia che diventa via via più consistente e che porta fino alla cima del monte Glemine. Prestare attenzione ad un passaggio leggermente esposto. 

Dopo la cima si torna indietro per la stessa traccia fino a giungere nuovamente al Crocefisso. A questo punto bisogna svalicare verso nord, dove incontriamo la strada asfaltata che conduce a malga Cuarnan. Si percorrono pochi metri in discesa lungo asfalto fino a incontrare un sentiero che scende a sinistra nel bosco. Quest'ultimo fa perdere velocemente dislivello e conduce nuovamente ad un tornante della strada asfaltata a quota 500m

Al tornante, si prosegue per pochi metri in discesa e si gira a sinistra lungo un sentiero/mulattiera che permette di raggiungere via Stalis. Questa va percorsa integralmente fino al rientro in paese e all'incrocio con via Zuccola, dove, girando a destra, si ritorna a Piazza Garibaldi e quindi al punto di partenza. 

Hinweis


alle Hinweise zu Schutzgebieten

Öffentliche Verkehrsmittel

mit Bahn und Bus erreichbar

È possibile arrivare a Gemona con il treno; la stazione ferroviaria è servita da Trenitalia, Micotra e dallo storico treno a vapore. Per arrivare al punto di partenza presso il "centro ricreativo L’A.S.eR." è necessario arrivare a piedi in 40 minuti circa e 3km.

È possibile arrivare a Gemona con l'autobus di linea scendendo o presso l'autostazione di Gemona oppure alla fermata "Gemona Alta Piazza Garibaldi".

Anfahrt

Gemona si trova in una posizione particolarmente fortunata anche per quanto riguarda le vie di comunicazione, infatti è possibile raggiungere la città in svariati modi tradizionali quali:

IN TRENO

Stazione FS di Gemona del Friuli

IN AUTO

Autostrada A23 casello Gemona/Osoppo - Strada statale Pontebbana

IN AEREO

Aereoporto di Trieste

IN BICICLETTA

Ciclabili Alpe Adria (FVG1) - Pedemontana (FVG3) - Tagliamento (FVG6)

A PIEDI

Attraverso il Cammino di San'Antonio

Attraverso il Parco Trail che collega la cittadina alla vicina Austria - Hermagor

IN KAJAK

Fiume Tagliamento per gli appassionati di kajak estremo

Parken

È possibile parcheggiare presso piazza Garibaldi oppure nei diversi parcheggi circostanti.

Koordinaten

DD
46.278096, 13.139825
GMS
46°16'41.1"N 13°08'23.4"E
UTM
33T 356686 5126628
w3w 
///frischen.erteilte.grünen
Auf Karte anzeigen
Anreise mit der Bahn, dem Auto, zu Fuß oder mit dem Rad

Buchtipps für die Region

mehr zeigen

Fragen & Antworten

Stelle die erste Frage

Hier kannst du gezielt Fragen an den Autor stellen.


Bewertungen

Verfasse die erste Bewertung

Gib die erste Bewertung ab und hilf damit anderen.


Fotos von anderen


Schwierigkeit
mittel
Strecke
5,9 km
Dauer
2:18 h
Aufstieg
431 hm
Abstieg
431 hm
Höchster Punkt
680 hm
Tiefster Punkt
249 hm
mit Bahn und Bus erreichbar Rundtour aussichtsreich geologische Highlights botanische Highlights Gipfel-Tour hundefreundlich familienfreundlich kulturell / historisch

Statistik

  • Meine Karte
  • Inhalte
  • Bilder einblenden Bilder ausblenden
Funktionen
2D 3D
Karten und Wege
Strecke  km
Dauer : h
Aufstieg  Hm
Abstieg  Hm
Höchster Punkt  Hm
Tiefster Punkt  Hm
Verschiebe die Pfeile, um den Ausschnitt zu ändern.